A SPASSO TRA GENERAZIONI

Ritratto di Monica Maggi
La consultazione è scaduta, non è più possibile votare idee.

Punteggio: 13

Inserito da: 
Monica Maggi

Si chiama EDUCAZIONE INTERGENERAZIONALE e attinge da due elementi importanti nella vita di ogni individuo: la velocità di apprendimento del bambino e la quantità immensa (e spesso non utilizzata) di informazioni dell'anziano. Forte di due esperienze parallele nel Quartiere Esquilino (Centro Anziani e Istituto Omnicomprensivo Manin, plesso Di Donato) l'Associazione Libra ha rilevato grande interesse tra le due fasce su elementi di scrittura, condivisione della lettura, laboratorio di scrittura esperienziale, racconto a voce alta, utilizzo della tecnologia su pc.

Questo ha prodotto un progetto che porterebbe ANZIANI a digitalizzarsi e BAMBINI ad usufruire e valorizzare la cultura MEMORIA dell'anziano.

Benefici: gli ANZIANI vedrebbero rivalutate conoscenze e informazioni, i BAMBINI potrebbero assorbire informazioni che lascuola (per programmi o tempistiche) non riesce a dare. In più si creerebbe un ponte di contatto utile anche per l'apprendimento dell'anziano.

LUOGO

Il luogo si immagina nella scuola, dove l'anziano può portare ilcontributo di MEMORIA E INFORMAZIONI

 

LE ESPERIENZE DI LIBRA

I POETI SALVERANNO IL MONDO presso il Centro Anziani Esquilino  https://www.facebook.com/groups/121967241673296/?fref=ts

PC FACILE PER LA TERZA ETA' https://www.facebook.com/groups/487169565006045/?fref=ts

AL PARCO FIORISCE POESIA - progetto di poesia interattivo tra GRANDI E PICCOLI

 

 

AL PARCO FIORISCE POESIA

FOGLI & FOGLIE

L'attività dell’Associazione Libra si fonda sull'itineranza e sulla trasformazione di luoghi in “culle poetiche”. Con questa finalità Libra crea eventi che abbiano come fine la fruizione della poesia in tutte le sue forme. Per fare ciò, l'Associazione sceglie di volta in volta luoghi differenti di aggregazione e di vita quotidiana.

Con questo obiettivo ecco che anche un parco, un viale, un giardino non sono solo luoghi di svago e di passeggiata ma anche ambienti dove “far fiorire” la poesia, realizzare “panchine poetiche”, trovare “foglie di poesia”.

FINALITA' DEL PROGETTO

AL PARCO SBOCCIA POESIA prende spunto da una precedente esperienza realizzata nel Municipio XI, sia sul Ponte della Scienza (tre edizioni) che nel Parco antistante. Con libri e foglietti contenenti poesia, sono stati abbelliti e “arredati” alberi, cespugli, panchine, grate, inferriate.

La finalità è proporre la poesia come elemento necessario per la vita quotidiana, come protagonista di ogni momento e luogo della giornata, proprio perchè ci sia un approccio “normale” e un utilizzo frequente della poesia, da sempre vista come arte e materia destinata a pochi eletti o addetti ai lavori.

La poesia deve tornare ad essere quello che era all'inizio e alla sua origine: una modalità di espressione per tutti, una maniera di creare e comunicare bellezza.

MODALITA' DI REALIZZAZIONE

AL PARCO SBOCCIA POESIA vede come momento ideale una domenica mattina, quando le famiglie sono prevalentemente libere e posso essere coinvolte in attività culturali insieme ai figli.

Il Progetto prevede 4 momenti:

  • una lettura di filastrocche
  • una “fioritura di poesia”, scritta su cartoncini colorati già forati e provvisti di laccetto
  • una produzione di foglie poetiche da parte degli adulti
  • l'attività di arredo del parco e del giardino: foglie con poesie scritte a meno e distribuite sull'erba, e foglietti appesi agli alberi e ai cespugli.

 

TARGET

AL PARCO SBOCCIA POESIA è diretto a bambini dai 2 agli 8 anni, e agli adulti di ogni età.

Proprio per sottolineare il senso della poesia come elemento di gioco, di bellezza, di condivisione, ai bambini verrà dato il foglietto su cui scrivere o disegnare, e ai grandi la foglia su cui scrivere versi poetici liberi, propri o altrui.

 

 

Ultima modifica: 
Lunedì, 3 Aprile, 2017 - 12:17
Voti
13
Non mi piace
0
Viste
782
Commenti
1