Idee per la cultura digitale

  • Il Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali ha recepito molti dei commenti raccolti nella

  • Prima di pubblicare la tua idea, leggi i contributi già pubblicati: se qualcuno ha già proposto un’idea vicina al tuo pensiero, è più costruttivo votarla o commentarla piuttosto che inserire un suo

  • regole_icona

    L'ideario “Idee per la cultura digitale” è uno strumento a disposizione di chiunque voglia proporre, commentare, condividere e valutare, in modo costruttivo, idee di pubblica rilevanza per il Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali. L'ideario “Idee per la cultura digitale” nasce per favorire l'interazione tra amministrazione e cittadini, secondo le finalità proprie della democrazia partecipata e del governo aperto.

Per proporre un'idea per la cultura digitale, clicca su Invia una nuova idea dopo esserti autenticato.

Per maggiori informazioni su come partecipare a questa consultazione ti rimandiamo alla guida Come partecipare.  

Maggiori informazioni su questa consultazione e sull’intero percorso di partecipazione che accompagna il Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali ti rimandiamo a questa pagina di approfondimento

La consultazione è aperta dal 4 giugno al 30 settembre 2014.

La consultazione è chiusa e non è più possibile inserire idee.

Idee inviate

Punteggio: 0

Ritratto di azzurroverde@gmail.com
Anna Zacchi

Propongo di svilluppare un sistema per quantificare costi-guadagni per un sito web che includa, oltre ai costi di sviluppo e manutenzione, anche i costi e i risparmi relativi all' utilizzo e alla usabilita'.

Punteggio: 0

Ritratto di chiara.palmieri@lispa.it
Chiara Palmieri

La scuola dovrebbe adottare per "definizione" programmi e sistemi operativi open source, favorendo gli approfondimenti e la diffusione della "conoscenza".

Punteggio: 1

Ritratto di Francesco Ippolito
Francesco Ippolito

Conoscenza e uso dell'informatica, nell'epoca 2.0 prossima 3.0, est come il saper leggere e scrivere con penna su cartaceo. Dal DPR 445/2000 ogni Ente pubblico doveva creare i presupposti per la riconversione del personale da classico dipendente a "dipendente digitale".

Punteggio: 1

flavia_marzano

Formazione digitale anche per i politici (locali e nazionali) tramite FORMEZ e/o SNA: prima di insediarsi una settimana di full immertion per capire che cosa andranno a gestire e decidere anche grazie al "digitale"

Punteggio: 0

MarcoPiastra

Punteggio: 3

Ritratto di e.simonetti
Emilio Simonetti

Non voglio peccare di ridicola vanagloria, ma l’idea di fornire i redattori web di un know-how di facile apprendimento per la realizzazione di test di usabilità a basso costo, know-how realizzato dal Gruppo di Lavoro per l’Usabilità (GLU) del Dipartimento della funzione pubblica

Punteggio: 1

Ritratto di mauro.gardenal@gmail.com
Mauro Gardenal

Volete digitalizzare maggiormente gli italiani? La strada meno onerosa è passare per i telefoni cellulari, diffusissimi nel nostro Paese, che ormai sono quasi tutti smartphones (telefonini multimediali con collegamento a internet).

Punteggio: 1

Ritratto di derosistina
TINA ALESSANDRA DE ROSIS

Oggi ci troviamo di fronte ad una società diversa, dove i profondi e rapidi cambiamenti  culturali, educativi, religiosi e politici hanno modificato il modo di pensare e di agire.

Punteggio: 3

Michele Rovera

Vi ricordate come gli Italiani hanno imparato la nostra lingua?
Grazie alla TV! E allora perché non dedicare 10 minuti alla cultura digitale dopo il TG1 utilizzando questo prezioso tempo dopo il TG più seguito in italia?

Punteggio: 0

ROSA MAIONE

OSSERVATORIO sul personale delle PA per il risultato di una nuova  immagine dell'ente  a fronte di una  visibile legalità e precisa statistica subordinata a  Trasparenza e Open Data  (utile alla PA stessa sia in campo politico che amministrativo e sindacale, sia tra gli stessi dipendenti  e  anch

Tempo rimasto

La consultazione è conclusa.
40 Idee
Utenti
38
Voti
129
Commenti
33

Logo Partecipa!