Competenze digitali per l'attuazione dello smart working

La consultazione è scaduta, non è più possibile votare idee.

Punteggio: 8

Inserito da: 
Nicoletta Staccioli

Con il disegno di legge sulle "misure a tutela del lavoro agile" o smart working, si prospetta una diversificazione delle modalità di lavoro, sia per accrescere la produttività che per migliorare le condizioni per la conciliazione vita-lavoro. 

Si tratta di un'opportunità per lavoratrici (e anche per i lavoratori) che, tuttavia, richiede un cambio culturale, sia in termini di revisione dei processi organizzativi che di rafforzamento nell'utilizzo degli strumenti abilitanti.

La proposta è quella di realizzare, sia nell'ambito dell'amministrazione comunale che per la cittadinanza, degli interventi formativi sulle competenze digitali, finalizzati a creare e/o rafforzare le competenze digitali necessarie a svolgere la prestazione lavorativa all'esterno dei locali aziendali. Questo, potrebbe avvenire attraverso percorsi formativi in modalità blended, quindi in un mix di formazione in presenza e a distanza. L'esperienza formativa in modalità e-learning già di per sé rappresenta un'occasione per aumentare la consapevolezza nell'uso del digitale.

Un percorso formativo così finalizzato consentirebbe anche una maggiore motivazione nel migliorare le proprie competenze digitali, ai fini di un uso consapevole delle tecnologie.

Data la correlazione con il contesto lavorativo, inoltre, questa azione può avvalersi di collaborazioni con associazioni e istituzioni (es: sindacati, BIC Lazio, ecc.)

[A titolo di esempio: in caso di lavoro al di fuori dei locali aziendali, un tema importante da sviluppare è quello della Sicurezza digitale (privacy, gestione dati, virus e phishing, ecc.)]

Ultima modifica: 
Martedì, 4 Aprile, 2017 - 22:14
Voti
8
Non mi piace
0
Viste
373
Commenti
0